D.I.Y.: A [fake] leather bracelet/ Un bracciale di [finta] pelle

Ed eccomi, dopo quasi un mese, a proporvi un altro dei miei tutorial. Certo, fa caldo, ma proprio non riesco a stare con le mani in mano…
Ricordate la vecchia cintura che ho utilizzato per la mia SUMMER CLUTCH (trovate qui il tutorial)?
Ebbene, me n’era avanzato un pezzetto e, visto che io non butto nulla, mi sono ritrovata a chiedermi cosa farne…
Ultimamente, nei vari fashion blog vedo foto di donne con le braccia cariche di bracciali e, tra i tanti, mi colpiscono quelli che sembrano dei cinturini e mi si è accesa la lampadina: ora me ne faccio uno!

Here I am, after a month, to show you one more tutorial of mine. I know, it’s hot outside, but I can’t stay with idle hands …

Do you remember the old belt I used for my SUMMER CLUTCH (you’ll find the tutorial here)? I had a little piece left and, as I don’t throw away anything, I was asking myself what to do…

Lately, in many fashion blogs I see women with their wrists full covered by bracelets and those I love are  wristbands so I decided to make one for myself!

 DIY-A fake leather bracelet
Ecco cosa vi serve: | What you need is:

DIY-A fake leather bracelet

  • punteruolo | awl
  • colla forte | strong glue
  • vecchia cintura | old belt
  • fibbia (piccola) | little buckle
  • filo di cotone | cotton thread
  • rondella | washer

 

Il procedimento è veramente semplice e veloce… | The how-to is really simple and fast…

DIY-A fake leather bracelet

  1. Forate il cinturino con un punteruolo a circa 2 cm. da una sua estremità;
  2. Inserite la fibbia e…
  3. … incollate l’estremità del cinturino allo stesso in modo da bloccare in posizione la fibbia;
  4. Incollate con un goccio di colla un capo del filo di cotone e, lasciando un po’ di “agio” per poter infilare il cinturino, fate tre giri intorno al bracciale…
  5. … per formare il passante che terrà l’estremità del cinturino in posizione;
  6. Tagliate l’estremità libera dandogli una forma leggermente a punta, in modo da facilitarne l’inserimento nel passante.
  1. Punch the belt using an awl at a distance of cm.2 from one of its end;
  2. Put the buckle in and…
  3. …glue the end to the belt to fix the buckle in its own position;
  4. Glue one cotton thread’s end to the belt and, leaving enough space to make easy putting the belt in, make three loops around the bracelet…
  5. … to make a tab;
  6. Cut  the free left end, making it a little pointy to make easy to put it in the loop.

Il risultato sarà questo: | Here there’s the result:

DIY-A fake leather bracelet

… un bracciale semplicissimo, da lasciare così oppure al quale aggiungere un tocco insolito… quello di una rondella [click sull’immagine in basso per ingrandire]! | It’s a very simple bracelet, to leave as it is or to enrich adding … a washer [click on the picture below to enlarge]!

DIY-A fake leather bracelet

Ed ecco pronto un bijoux totalmente fai da te da aggiungere alla vostra personale collezione!

Now you have a totally D.I.Y. piece of jewelry to add to your personal collection!

DIY-A fake leather bracelet

Se vi piace, condividetelo su Facebook, Twitter e Pinterest! | If you like it, please share on Facebook, Twitter and Pinterest!

D.I.Y. | A Statement Necklace / Una collana-bavaglino

L’ho fatto di nuovo! ;-) Un altro tutorial…

Questa volta su come fare quella che gli americani chiamano “statement necklace”, volendo indicare una collana che si fa (e vi fa) notare. Ultimamente le collane-bavaglino (come questa, appunto) sono ovunque così ho deciso di sperimentare la mia personale versione riciclando una striscia centrotavola.

[ I did it again! ;-) Another tutorial…

This one is about how to make a statement necklace. Lately bib necklace are anywhere so I decided  trying out my own version, recycling a table runner. ]

flower_bib_necklace_tutorial_collana_fiori

flower_bib_necklace_tutorial_collana_fiori

flower_bib_necklace_tutorial_collana_fiori

Ecco come fare:

  1. Il tessuto della striscia centrotavola era fatto di fiorellini in pizzo…
  2. … e io ho ritagliato 15 fiori.
  3. Aiutandomi con la pinza a becchi ricurvi ho aperto tutti e 31 gli anellini che mi servivano…
  4. … per unire i fiorellini l’uno all’altro.

Alla fine ho aggiunto due catenelle argentate alle cui estremità ho montato, da un lato il gancio di chiusura e, dall’altro, un anellino.

Le forme del bavaglino possono essere infinite. Sentitevi libere di scegliere la vostra…

[ How to make it:

  1. The table runner was made of flower lace fabric…
  2. … and I cut 15 flowers.
  3. I opened by bent noise pliers all 31 jump rings I needed …
  4. … to join all the flowers one each other .

Finally I added two silver chains which ends have the lobster clasp on one side and a jump ring on the other.

Bib shapes can be endless, feel free to choose yours … ]

flower_bib_necklace_tutorial_collana_fiori

Ecco il mio “statement necklace” indossato da me :-)

[ And here there’s my statement necklace worn by me :-) ]

flower_bib_necklace_tutorial_collana_fiori

Che ne pensate? Farete la vostra personale versione anche voi?

[ What do you think about? Will you make your own version too? ]

Style Mix | Shorts for a 20/30/40-years-old

E’ tempo di scoprire le gambe. E quest’anno i pantaloncini sono di gran moda. Per le ventenni non ci sono problemi. Però, se si hanno delle belle gambe, sono convinta che si possa tranquillamente osare fino ai 40 anni e più. Che ne pensate?

Dai quaranta, però, bisogna togliere i fronzoli, per evitare l’effetto “dietro liceo, davanti museo” :-) e abbinare ai pantaloncini capi e accessori che siano “intonati” alla nostra età. Sopra i cinquanta, invece, io trovo che non sia più il caso di indossarli ma è semplicemente la mia opinione.

Mi sono divertita a creare degli outfit per un’ideale ventenne/trentenne/quarantenne, mixando pezzi firmati, low-cost e handmade, come al solito. Se cliccate sui singoli riquadri approderete al sito su cui acquistare i pezzi fotografati.

[ It’s time to show our legs. Shorts are trendy. Twenty-year-old have no problem. But I think that, if you have pretty legs, shorts are wearable until you are forty and more. What do you think about?

From forty on, no frills  is best to avoid “back like a school-girl, front like Methuselah” effect ;-), combining shorts with clothing and accesories that “suit” your age. Over fifty years, I think instead it’s not a good idea to wear them but it’s only my opinion!

I had some fun creating outfits for an ideal 20/30/40-year-old, combining, as usual, pieces from fashion designers, low cost industries and artisans. If click on thumbnails, you’ll go to sites where you can buy photographed pieces. ]

 Le ventenni possono tranquillamente indossare capi a righe, colorati, con accessori sbarazzini che non faranno altro che sottolineare la freschezza dell’età.

 [ Twenty-year-old can wear stripes, colors, mixing them with jaunty accessories which will underline their fresh age. ]

Shorts for a twenty-year-old

 

A trent’anni, ci si può concedere il gusto di vestirsi da “donna”,  strizzando un occhio alla propria femminilità e mettendola in evidenza con garbo …

[ In thirties, you can  enjoy wearing  like a “woman”, winking at your femininity and highlighting it with grace… ]

Shorts for a thirty-year-old

 

Infine, a quaranta il pantaloncino si allunga e prende un colore “severo”, svecchiato dai toni arancio della camicia e degli accessori.

[ Finally, when you are forty, shorts are a little longer and have a “severe” color, updated by the orange of blouse and accessories. ]

 
Shorts for a forty-year-old

 

E voi, i pantaloncini li indossate? E come?

[ And you, do you wear shorts? And how? ]

Style’s Details | Drawstring Bags

Lo sappiamo tutte: i dettagli fanno la differenza. In fatto di stile, un accessorio, un particolare o un modo diverso di indossare un capo possono farci notare (in positivo).

[ We all know: details make the difference. In style matter, an accessory, a detail or a different way to wear a piece of clothing  make us noticed (positively noticed!). ]

Oggi vi propongo una piccola rassegna dedicata ad un accessorio che è prepotentemente tornato alla ribalta della moda: la borsa a sacchetto.

La borse sono un’acquisizione piuttosto recente nel guardaroba delle donne. Le prime risalgono alla fine dell’800, epoca in cui le donne cominciarono a viaggiare maggiormente e a portare con sé tutto il loro “armamentario” (né più né meno di oggi).  Le prime borse a sacchetto nascono negli anni ‘30 per merito di Elsa Schiaparelli e Gucci. Sono realizzate in pellami pregiati e rappresenteranno, nei decenni a venire, un modello di borsa sul quale ogni stilista che si rispetti si cimenterà. C’è stato un periodo, poi, negli anni ‘80 in cui le mitiche borse con il laccetto erano ovunque e proposte in ogni forma: sacca, zainetto, borsa a spalla e adesso sono ritornate in grande stile…

[ Today I will bring to you a little review totally dedicated to an accessory which  has made a comeback: the drawstring bag.

Purses are a recent entry in women’s closet. First come from XIX century, when women start travelling frequently and needed to bring all their “paraphernalia” with them (like nowadays). First drawstring bags were born in thirties by Elsa Schiaparelli and Gucci. They were made of valuable leathers and they will represent, in the next decades, a bag pattern on which any fashion designer will proof his/her capability. There was a time, in eighties, when drawstring bags were everywhere and sold in any shape: buckets, backpacks, shoulder bags and now they are back… ]

 

Salvatore Ferragamo: www.mytheresa.com | Tamaris: www.sarenza.it | Promod: www.promod.it | Zara: www.zara.it | Mango: www.mango.com | Meredith Wendell: www.net-a-porter.com | Stella and Lori: www.etsy.com/shop/StellaandLori | Lollipops: www.lollipops.fr

Io sto meditando di comprarne una (o farmela). E a voi, piacciono?

[ I’m thinking to buy one (or make it). And you? Do you like them? ]

 

Trend Cou[l]ture | Plissé Soleil

Buongiorno, care! Ecco un’altra moda di stagione: il plissé soleil. Non si tratta certo di una novità.

Le sue origini, infatti, risalgono al tempo degli antichi Egizi, quando  il tessuto veniva piegato con appositi  strumenti di legno e grazie all’azione combinata dell’acqua e del sole ecco apparire la pieghettatura a fisarmonica. Oggi si ottiene anche con altre tecniche, che permettono di plissettare qualsiasi tipo di tessuto.

[ Hello, lovelies! Here there is another season’s trend: plissé soleil. It’s not a news, I know. It  comes from ancient Egypt where  fabric was pleated by special wooden tools and thank to water and sun actions here there were pleats like piano accordion’s ones. Nowadays, plissé is made also by other techniques which allow to pleat any kind of fabric. ]

Uno dei primi, in epoca moderna, a utilizzare e innovare il plissé (tanto da brevettare la propria tecnica) fu Mariano Fortuny, creatore della famosa tunica Delphos (cercatene su google le immagini e vi appariranno le foto di un abito senza tempo, magico), ma anche Issey Miyake, meraviglioso stilista giapponese, ha messo a punto una tecnica tutta sua e inimitabile. E come non nominare Roberto Capucci? E’ un maestro nell’arte della plissettatura applicata alla geometria e alla scultura. I suoi abiti sono, senza se e senza ma, delle opere d’arte.

[ Among the first, in modern age,  using and renewing plissé (and who patented his technique) was Mariano Fortuny, creator of the famous Delphos tunique (search on google images and you’ll see pictures of a magical, timeless dress) but also Issey Miyake, wonderful japanese fashion designer, developped an inimitable technique on his own. And how can I forget to mention Roberto Capucci? He’s a master of plissé applied to geometry and sculpture. His dresses are, without if or but, works of art. ]

Ho raccolto alcuni esempi handmade, low e high-cost ai quali ispirarsi per un capo o anche un semplice accessorio.

I picked up some handmade, low and high-cost  examples for inspiration before to buy a piece of clothing or an accessory. ]

Photo Credits: 1. 2. 3. 4. 5. 6.

Photo Credits: 1. 2. 3.

Vi consiglio di valutare bene cosa indossare. E’ risaputo che il plissé tende ad “allargare”, quindi verificare sempre se indossare quella gonna che ci piace tanto non sia un boomerang se siamo forti di fianchi o, avendo un decolleté generoso, evitiamo camicie con un davanti plissettato che accentuerebbe in modo ridicolo l’abbondanza del nostro “davanzale”. Se non si hanno difetti e si è magre nei punti giusti penso comunque che un solo pezzo sia più che sufficiente: andarsene in giro sembrando una fisarmonica non sarebbe il massimo!

[ I suggest you to consider well what to wear. You know plissé enlarge, so always we should verify if, wearing that skirt we love so much, is not a boomerang for our strong hips or, having a huge breast, to wear a plissé blouse would ridicously accentuate our decolleté. If we are among the fews with a perfect body,I however think that one piece of clothing is enough: going around to look like a piano accordion it wouldn’t be the best! ]

Photo Credits: 1. 2. 3. 4. 5. 6.

E se un capo pieghettato vi sembra impegnativo, optate per un semplice accessorio. Sarete alla moda senza rischi e spendendo di meno ;-)

[ And if you think a pleated clothing is hard to wear, opt for a simple accessory.You’ll be up-to-date without risk and spending less ;-) ]

Photo Credits: 1. 2. 3. 4.

Avete un capo o un accessorio plissé nel vostro armadio? Contate di comprarvelo (o farlo da voi)? Fatemelo sapere nei commenti!

[ Do you have a plissé piece of clothing or accessory in your closet? Do you plan to buy one (or do it yourself)? Let me know by your comments! ]

 

 

D.I.Y. | A summer clutch / Una pochette estiva

L’estate non è più un lontano miraggio. Finalmente sta per arrivare ed è divertente scovare qualcosa di nuovo da indossare. Quest’anno impazzano le pochette, clutch o borse a mano che dir si vogliano. Alcune hanno prezzi proibitivi e, francamente, spendere cifre da capogiro per una borsa (diciamocelo) non comodissima sarebbe pura follia. E allora? Facciamocela da noi!

[ Summer is coming and it’s funny looking for something new to wear. This is the year of clutches. Some of them cost a lot and, sincerely, to spend a fortune in a bag (let’s confess) not really comfortable would be pure madness. So what? Let’s make it by ourselves! ]

a D.I.Y. summer clutch

Io ho utilizzato una tovaglietta americana per la prima colazione in foglie di banano, due scampolini di tessuto di cotone da utilizzare come “soffietti” laterali, una vecchia cintura, colla a caldo e filo di cotone mouliné in tinta. Cominciamo?

[ I used a place mat made of palm leaves, two little fabric scraps as side strips, an old belt, a glue gun and mouliné cotton thread. Do we start? ]

Le misure dell’americana sono orientativamente di cm.50 x cm.30. Tagliate con la forbice a zig zag (o, se non l’avete, passate una cucitura a punto zig zag lungo tutto il perimetro) due rettangolini con il fondo arrotondato (come in foto) delle seguenti dimensioni: circa L. cm.6 x H. cm.18 e cuciteli partendo a 10 cm. dal bordo superiore (che una volta piegato farà da patta di chiusura alla borsa) della tovaglietta. Per la cucitura dei soffietti alla tovaglietta, ho utilizzato del cotone mouliné a tre capi (bello resistente) e il punto filza.

[ Place mat’s measures are approximately in. 19,69 x in.11,81. Cut out with pinking shears (or, if you don’t own them, sewing with zig zag all the perimeter) two rectangles (with a rounded bottom) that have the following measures: L. in.2,36 x H. in.7,09 and start sewing them to the place mat after having left approximately in.3,94  from the border (once you fold it, it will be the flap of your bag). I used a three-ply mouliné cotton thread (really strong) and straight stitch. ]

Subito dopo ho incollato, con la pistola a caldo, la mia cinturina al centro della borsa. [ Then I glued my belt in the middle of the bag. ]

 La pochette è stata pronta in un attimo! Vi piace? [ The clutch was ready in a few minutes! ]

Io la trovo capiente, adatta a dare un tocco “etnico” o sportivo a qualsiasi outfit e utilizzabile anche nelle occasioni più casual… Per esempio con un total look in denim (come nelle foto più in basso). 

 [ I think it’s capable, great to add an ethnic or casual touch to any outfit and useful in most occasions… For example, with a denim total look (as you can see in the pictures below). ]

E avete notato che indosso una collana dello stesso tessuto utilizzato per la borsa? ;-) E’ in vendita nel mio SHOP ONLINE!

[Did you notice I wear a necklace made of the same fabric used for the bag? ;-) You can buy it in my SHOP ONLINE! ]

 

Trend Cou[l]ture – Neon Colors

Trend Cou[l]ture sarà una rubrica che si dedicherà alla scoperta degli ultimi trend (parola terribile, che se la legge Nanni Moretti mi ammazza, ma che rende bene l’idea) nel mondo della moda. Individuerò di volta in volta la mania del momento e la proporrò nell’abbigliamento, negli accessori e nel cibo (quando è possibile). Sì, perché anche in cucina i colori e le forme, come nella moda, contano molto… :-)

[ Trend Cou[l]ture will be a blog’s section where I will write about last trends in fashion. With an accent for clothing, accessories and food (when possible). Yes, even in  cooking colors and shapes count  :-) ]

Inauguro la rubrica con i COLORI NEON (o fluorescenti che dir si voglia). Se andate in giro per fashion blog vi accorgerete che è una vera e propria invasione. Dal braccialetto, all’orecchino, dallo stivaletto, alla camicia, è un pullulare di colori accesi e SEGNALETICI! Come potevo ignorare questo trend (Moretti, ti supplico, non infierire)? Ed eccomi a presentarvi la mia personale selezione, non prima di avervi impartito una breve lezioncina ;-)

[ I’m starting with NEON COLORS. If you read fashion blogs, you’ll see they are everywhere! Here there is my personal selection, but not before I give you a little lesson :-) ]

Il neon è un gas in origine totalmente incolore, pensate un po’, ma quando viene immesso nelle lampadine a basso voltaggio e acceso assume una colorazione rosso-aranciata che lo caratterizza e ne ha reso diffusissimo l’impiego nelle insegne dei negozi e in quelle pubblicitarie. Dalla luce al colore, il passo è stato breve e sono stati inventati i colori fluorescenti che, negli anni’80, hanno avuto il loro massimo successo nella moda. Dal giallo al fucsia, dal verde al blu elettrico, non c’era capo che non fosse caratterizzato da un tocco fluo. Quest’anno, grazie anche al revival di quel decennio, è uno dei trend per la primavera/estate e, se indossare un total look potrebbe essere azzardato (con il rischio di farsi pesantemente additare come pazze scatenate!) piccoli tocchi segnaletici potrebbero essere il particolare che lascia il segno e farsi notare senza farsi additare!

[ Neon is a colorless gas, under standard conditions, but it gives a distinct reddish-orange glow when used in either low-voltage glow neon lamps. Passing from light to colors was a second in the eighties and fluo colors invaded fashion design: from yellow to hot pink, from green to blue, there wasn’t an outfit without a bright neon color. Nowadays, fluo accents are back for this spring/summer season and, if wearing them for a total outfit could be an hazard, little touches of neon can let you be noticed but not pointed out! ]

Guardate, nelle foto qui sotto, come un accessorio o anche un solo capo fluo, riescano a caratterizzare il look senza togliere eleganza all’insieme…

[ Look below how an accessory or a single piece can define your outfit with elegance…]

 neon fashion colors

 . Photo Credits: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12.

Certo, riconosco che siano colori per chi ha il coraggio di osare e non teme il giudizio altrui però, a piccole dosi, si può fare, no?

Per le coraggiose, sprezzanti del pericolo e amanti del total look, ecco alcuni pezzi handmade e low-cost da indossare…

[ I know neon colors are for the braves  who have no fear of  others’ opinion but I think that, in small doses, we can wear it, or not? For the courageous ones, here there are some handmade and low-cost pieces to wear …] 

 Photo Credits: 1. 2. 3. 4. 5.

Per chi quel coraggio non ce l’ha ma è intrigata dall’idea di farsi notare per un solo particolare, sotto gli accessori neon più trendy… Su capi base in beige, bianco o nero saranno fantastici! E anche in casa, perché no, potremmo inserire lampi di colore… E il bebé, lo lasciamo esente? Ma no, due belle scarpine in verde fluo e sarà trendy (aargh, bussano alla porta, sarà Moretti!!!) pure lui :-)

[ For the timorous ones who like neon but want be noticed for a single detail, below you’ll see the newest neon accessories… On neutral, white or black pieces they will be fantastic! And even at home you could insert such bright colors… And about our baby-child? Neon green little booties and he will be a fashionista too :-) ]

Photo Credits: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12.

E, infine, se proprio non ci si vuole esporre (“ho una reputazione da difendere, io!”) ma si è golose, cibo fluo tutto da gustare!

[ In conclusion, if you don’t love to risk (“I care about my reputation!”) but are greedy, neon food to eat! ]

Photo Credits: 1. 2. 3. 4.

Vi confesso che non so se mai oserò indossare qualcosa di segnaletico… Forse comincerò con il mangiare qualche dolcetto :-) e potrei anche spingermi ad indossare un piccolo bijoux o un accessorio ma, per un pantalone o una camicia in colori neon, devo procurarmi un’iniezione di autostima super! E voi?

[ I must confess I don’t know if I will dare, one day, to wear something fluo… Maybe I’ll start with some cookies :-) or a little piece of jewelry but, for a full neon outfit, I must obtain before a great dose of self-esteem! And you? ]